Exworks Open Days

Venerdì 23 e sabato 24 otto­bre Zerogloss pre­senta il nuovo spa­zio Exworks con l’esposizione Working the space sha­ping iden­ti­ties, una serie di pro­getti e per­for­mance che riflet­tono sulle pos­si­bi­lità di tra­sfor­ma­zione di mate­riali, suoni, con­te­sti e pro­spet­tive, e che defi­ni­scono così l’identità dello spa­zio stesso e le sue moda­lità di uti­lizzo.

Di seguito i pro­getti che ver­ranno pre­sen­tati.

Oltre il cioc­co­la­tino / Corso di Laurea in Disegno indu­striale — UNIRSM

Gli stu­denti del Corso di lau­rea in Design dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino pre­sen­tano i pro­getti rea­liz­zati durante il labo­ra­to­rio di design del pro­dotto, sotto la guida dei docenti Massimo Barbierato e Gaetano Giuliano.
Si tratta di ricer­che pro­get­tuali che con­si­de­rano la pos­si­bi­lità di lavo­rare il cioc­co­lato come un vero e pro­prio mate­riale spe­ri­men­tale, di cui rein­ven­tare la com­po­si­zione, la con­si­stenza e la mor­fo­lo­gia attra­verso nuovi pro­cessi di tra­sfor­ma­zione e di pro­du­zione.

3 | 1 | 3  / Giulia Agostini, Luca Bortolato, Emanuele Tortora

Tre foto­grafi hanno davanti al pro­prio obiet­tivo un sog­getto, all’interno dello stesso con­te­sto. Ne escono tre inter­pre­ta­zioni, fil­trate dal vis­suto per­so­nale, che tra­sfor­mano la visione della per­sona e dello spa­zio.

Celebration / Giorgia Nardin con Olivia Jacquet / sabato 24 dalle 16.00 alle 19.00

Celebration nasce dall’incontro tra l’artista Giorgia Nardin e la tat­too artist Olivia Jacquet, che rac­conta: “Mi sono abi­tuata ad essere guar­data dalle per­sone in modo strano, anche se loro vera­mente non vedono me, ma i miei tatuaggi. Spesso mi sento fuori con­te­sto, sento di dovermi adat­tare alla situa­zione che mi cir­conda.”
Nel corso della per­for­mance, Olivia defi­ni­sce lo spa­zio modi­fi­can­done le super­fici, lo adatta per creare un habi­tat che si apra ad acco­gliere la sua indi­vi­dua­lità. E’ uno spa­zio che Olivia si prende per modi­fi­care il con­te­sto in base alle sue neces­sità e alla spe­ci­fi­cità del suo corpo.

Ystwyth / Nicola Zolin /venerdì 23 dalle 19.00 alle 20.30

Un lavoro di sound art che coin­volge lo spet­ta­tore in un momento di ascolto per­so­nale e lo fa riflet­tere sulla rela­zione tra il suono, la sua fisi­cità e il muta­mento delle emo­zioni.

 

blog_exworks open days